ARTISTA
foto di katarina alivojvodic mentre disegna

Sognanti e fatate, stile gotico e consapevolezza dell’arte preraffaellita permeano le opere della giovane artista jugoslava Katarina Alivojvodic.
I suoi dipinti sono immersi in una dimensione magica, fluttuante, calma, eterea e sensuale.
Piccole luci scintillanti, simili alle lucciole, accompagnano i personaggi di Katarina illuminando la strada portandoli alla ricerca del proprio destino.
La poetica dell’artista si trova in un testo del poeta e scrittore (nonché diplomatico e ambasciatore) Jovan Ducic: “Il tesoro di Zar Radovan”. Ducic, influenzato dai parnassiani e dal movimento simbolista francese, scrisse poesie e versi lirici che introdussero nella produzione letteraria serba il gusto dell'”arte per l’arte”.
Un particolare estratto del testo, che menziona lo zar Radovan, ci permette di essere completamente immersi nella magica atmosfera delle opere di Katarina: “… ne ha parlato Mosè quando ha seguito la parola di Dio, Cesare quando ha attraversato il Rubicone e Cristoforo Colombo quando ha affidato le sue vele al vento che lo ha portato nella terra di cui non sapeva nulla. Questo tesoro cerca anche per l’astronomo che osserva le nuvole di stelle, il botanico che cerca il segreto della fecondazione nel cuore di un piccolo fiore e il prete che riporta la fede nel cuore degli infedeli.

foto di katarina alivojvodic mentre disegna

Sognanti e fatate, stile gotico e consapevolezza dell’arte preraffaellita permeano le opere della giovane artista jugoslava Katarina Alivojvodic.
I suoi dipinti sono immersi in una dimensione magica, fluttuante, calma, eterea e sensuale.
Piccole luci scintillanti, simili alle lucciole, accompagnano i personaggi di Katarina illuminando la strada portandoli alla ricerca del proprio destino.
La poetica dell’artista si trova in un testo del poeta e scrittore (nonché diplomatico e ambasciatore) Jovan Ducic: “Il tesoro di Zar Radovan”. Ducic, influenzato dai parnassiani e dal movimento simbolista francese, scrisse poesie e versi lirici che introdussero nella produzione letteraria serba il gusto dell'”arte per l’arte”.
Un particolare estratto del testo, che menziona lo zar Radovan, ci permette di essere completamente immersi nella magica atmosfera delle opere di Katarina: “… ne ha parlato Mosè quando ha seguito la parola di Dio, Cesare quando ha attraversato il Rubicone e Cristoforo Colombo quando ha affidato le sue vele al vento che lo ha portato nella terra di cui non sapeva nulla. Questo tesoro cerca anche per l’astronomo che osserva le nuvole di stelle, il botanico che cerca il segreto della fecondazione nel cuore di un piccolo fiore e il prete che riporta la fede nel cuore degli infedeli.

Tutti cercano, perché tutti sono pazzi. Tutti il sangue ha infettato lo zar Radovan che vive nell’erba e nell’acqua, il potente zar che passa nel cielo come una nuvola piena di fulmini o come una nave in fiamme nel mare … “. Le immagini di Katarina sono ricche di riferimenti simbolici. La musica è imprigionata negli strumenti suonati da esseri che sono un misto di uomini, fate ed elfi. Le immagini ottenute evocano sogni e miti, sono dolci e leggere, di uno stile molto elegante e raffinato.

Nuvole iridescenti che accarezzano il terreno circondano i protagonisti del dittico del 2006, in cui due flautisti si sono trovati nel cuore di un paesaggio medievale, accompagnati da pesci tropicali colorati, in un ambiente naturale in cui acqua, cielo e terra si fondono insieme.

Il potere evocativo della musica è presente anche in altre opere, dove quasi sempre una giovane donna suona uno strumento a fiato o un tipo di mandolino, assorbita in un’atmosfera attenuata e avvolta dalle nuvole.

katarina mentre dipinge
katarina mentre dipinge

Tutti cercano, perché tutti sono pazzi. Tutti il sangue ha infettato lo zar Radovan che vive nell’erba e nell’acqua, il potente zar che passa nel cielo come una nuvola piena di fulmini o come una nave in fiamme nel mare … “. Le immagini di Katarina sono ricche di riferimenti simbolici. La musica è imprigionata negli strumenti suonati da esseri che sono un misto di uomini, fate ed elfi. Le immagini ottenute evocano sogni e miti, sono dolci e leggere, di uno stile molto elegante e raffinato.

Nuvole iridescenti che accarezzano il terreno circondano i protagonisti del dittico del 2006, in cui due flautisti si sono trovati nel cuore di un paesaggio medievale, accompagnati da pesci tropicali colorati, in un ambiente naturale in cui acqua, cielo e terra si fondono insieme.

Il potere evocativo della musica è presente anche in altre opere, dove quasi sempre una giovane donna suona uno strumento a fiato o un tipo di mandolino, assorbita in un’atmosfera attenuata e avvolta dalle nuvole.

foto di katarina alivojvodic con un suo quadro che la ritrae

Nelle opere di Katarina la donna è sempre il personaggio centrale, una donna che oscilla dalla maga alla fata, da Salome a Venere, sempre in prima linea e circondata da un’aura di mistero. Una donna accompagnata da piccole scintille, che si rivela davanti ai nostri occhi ma di cui non sapremo mai tutto. I ricordi di Liberty e Déco sono intravisti nella grazia e nel simbolismo di alcune figure, anche se la forza delle figure di Katarina è lungi dal rappresentare la bellezza stessa. Il legame con la natura, il cielo e l’acqua, che di solito è simboleggiato dal fiume Danubio a lei caro, rende i suoi personaggi il legame tra il nostro mondo e un altro mondo ideale ed eccitante, un mondo in grado di avvolgere i nostri sensi e catturarci in estasi, lontano dalla realtà che ci circonda e che è spesso dolorosa.

Ma cosa cercano i personaggi di Katarina? Il loro flauto forse ricorda qualcuno o qualcosa? Sembrano voler evocare qualcosa di più grande, forse anche loro stanno cercando il tesoro dello zar Radovan. I suoi dipinti sono sicuramente visioni fantastiche in grado di portare le nostre menti lontane nel tempo e nello spazio.

Nei paesaggi la natura è la protagonista incontestata e le rappresentazioni sembrano più reali, tuttavia ciò non toglie il fascino che circonda le altre opere.

Cinzia Folcarelli

foto di katarina alivojvodic con un suo quadro che la ritrae

Nelle opere di Katarina la donna è sempre il personaggio centrale, una donna che oscilla dalla maga alla fata, da Salome a Venere, sempre in prima linea e circondata da un’aura di mistero. Una donna accompagnata da piccole scintille, che si rivela davanti ai nostri occhi ma di cui non sapremo mai tutto. I ricordi di Liberty e Déco sono intravisti nella grazia e nel simbolismo di alcune figure, anche se la forza delle figure di Katarina è lungi dal rappresentare la bellezza stessa. Il legame con la natura, il cielo e l’acqua, che di solito è simboleggiato dal fiume Danubio a lei caro, rende i suoi personaggi il legame tra il nostro mondo e un altro mondo ideale ed eccitante, un mondo in grado di avvolgere i nostri sensi e catturarci in estasi, lontano dalla realtà che ci circonda e che è spesso dolorosa.

Ma cosa cercano i personaggi di Katarina? Il loro flauto forse ricorda qualcuno o qualcosa? Sembrano voler evocare qualcosa di più grande, forse anche loro stanno cercando il tesoro dello zar Radovan. I suoi dipinti sono sicuramente visioni fantastiche in grado di portare le nostre menti lontane nel tempo e nello spazio.

Nei paesaggi la natura è la protagonista incontestata e le rappresentazioni sembrano più reali, tuttavia ciò non toglie il fascino che circonda le altre opere.

Cinzia Folcarelli